La Commissione Ue ha dato parere favorevole alla registrazione del Prosek croato

Pubblicato il 16 settembre 2021 alle 05:24

La Commissione Ue ha dato parere favorevole alla registrazione del Prosek croato

Si preannuncia battaglia contro il vino bianco da dolce che proviene dalla zona meridionale della Dalmazia.

Ci avevano provato nel 2013, andata male, ci riprovano ora e accolgono il parere favorevole della Commissione Ue alla registrazione della menzione tradizionale del Prosek. I nemici, in fatto di vino, sono i croati e tutto si gioca sull'italian sounding tra Prosecco e Prosek, appunto.

Ma di cosa si tratta?

Giocando sul nome molto simile si cerca di istituzionalizzare una brutta copia, un fake insomma, che tutto gioca sull'italian sounding, mettendo a rischio però una Dop italiana riconosciuta e blasonata in tutto il mondo.

Come specificato dal ministro Stefano Patuanelli intervistato a Uno Mattina: "E' evidente che il prosecco è una Dop italiana e non possiamo accettare che venga messa a rischio da una piccola produzione in un altro paese". Ma non è l’unico caso…

Negli scaffali dei supermercati la Coldiretti racconta di aver “smascherato il Meer-secco, il Kressecco, il Semisecco, il Consecco e il Perisecco tedeschi ma in commercio sono arrivati anche il Whitesecco austriaco, il Prosecco russo e il Crisecco della Moldova mentre in Brasile nella zona del Rio Grande diversi produttori rivendicano il diritto di continuare a usare la denominazione prosecco nell’ambito dell’accordo tra Unione Europea e Paesi del Mercosur”.

Il contrattacco

Si preannuncia quindi battaglia nei prossimi due mesi, un lasso di tempo entro il quale si possono presentare ricorsi e obiezioni prima della decisione finale della Commissione Ue. Spiega italiaatavola.net che “L'obiettivo è uno solo: determinare una volta per tutte che il vero Prosecco è solo quello che si coltiva fra Veneto e Friuli Venezia Giulia, in nove province e rispondente a tre denominazioni d’origine (Prosecco Doc, Prosecco di Conegliano Valdobbiadene Docg e Asolo Prosecco Docg) per una produzione complessiva che ha superato 600 milioni di bottiglie. Un territorio che dal 2019 è anche patrimonio dell'Unesco”.

Alla prossima puntata, è il caso di dirlo.


Foto di copertina by Alberto Caliman on Unsplash

  • NOTIZIE

scritto da:

Maggie Ferrari

I miei ricci parlano per me. Scatenata e bizzarra la notte, frenetica e in carriera di giorno. Toglietemi tutto ma non i miei apericena in centro e la malinconia del weekend, quando mi manca Milano.

POTREBBE INTERESSARTI:

​Le mitiche Cesarine lanciano la loro prima linea di prodotti made in famiglia

Ricette antiche, materie prime di qualità e preparazioni rigorose per portare sulle tavole di tutto il mondo specialità come il ragù bianco di cortile, il friggione bolognese e la marasca.

LEGGI.
×