I piatti sludri degli influencer a Milano adesso hanno due sedi!

Pubblicato il 15 settembre 2021 alle 11:19

I piatti sludri degli influencer a Milano adesso hanno due sedi!

Dopo l’apertura in dark kitchen nel Nyx Hotel Milan, Golocious inaugura anche in Via Fioravanti, 18 all’interno del Leonardo Milan City Center, a due passi da via Paolo Sarpi.

Un posto piacione come solo gli influencer bravi saprebbero tirare su... qui si strizza l’occhio ai trend e colori del momento, nel piatto e nel design. Si tratta dell’undicesimo locale della catena ideata dagli imprenditori e food influencer (per capire chi sono i due fondatori ne abbiamo parlato qui) aperto in collaborazione con Fedegroup, che ha inaugurato in via Fioravanti proponendo un menù tra burger, pizza e pasta. E' Golocious.



La caratteristica del nuovo locale di Vincenzo Falcone e Gian Andrea Squadrilli, sta proprio nel proporre tutto il pacchetto delle esperienze del loro format che vanno dall’hamburger, alla pizza alla cucina italiana, sia a pranzo che a cena.


“Milano ha accolto benissimo questa nuova apertura. È fantastico per noi portare il concetto di più locali in uno solo e dare ai milanesi tutto il pacchetto dell’experience Golocious. Per di più farlo in Chinatown a due passi dal Duomo, in un giardino che è una oasi di pace e tranquillità nel cuore della capitale lombarda”.

Cosa si mangia?

Nel menù spiccano i classici burger dal bun soffice e dolce che sembra sciogliersi al palato nelle declinazioni “Crispy”, “Suicide”, “Golocious Bleu 2.0” e “Parmigiana Golden 2.0”. Tra i piatti di pasta i più gettonati sono la Carbonara, la Nerano e la Pistacchiosa. La pizza esce dalla teglia supercruch in formato quadrato monoporzione, detto “tegliuccio”. Tra le farciture quelle tradizionali come la Margherita, la Marinara e la Cosacca, ma anche la Nerano, la Food Porn, la Crispy.



Foto di copertina dalla Pagina Facebook di Golocious

  • NOTIZIE

scritto da:

Maggie Ferrari

I miei ricci parlano per me. Scatenata e bizzarra la notte, frenetica e in carriera di giorno. Toglietemi tutto ma non i miei apericena in centro e la malinconia del weekend, quando mi manca Milano.

POTREBBE INTERESSARTI:

Ecco i migliori vini d'Italia per la Guida del Gambero Rosso appena uscita

I Tre Bicchieri sono 476. I produttori hanno saputo recuperare il terreno dei mesi perduti, hanno passato più di un anno a curare vigneti e ad aggiornare cantine, e i risultati di questo lavoro sono evidenti, spiega la guida.

LEGGI.
×